Google
 

lunedì 17 dicembre 2012

VINICIO CAPOSSELA "REBETIKO GYMNASTAS TOUR" - Senigallia 15/12/2012

Il concerto che Vinicio Capossela ha tratto dal suo ultimo lavoro “Rebetiko Gymnastas” (La Cupa/Warner) uscito nel giugno 2012

"È un disco suonato in greco, per debito nei confronti della Grecia che ha donato al mondo oltre alla civiltà anche una delle più straordinarie musiche urbane del mondo: il rebetiko. - afferma Capossela - Lo pubblichiamo nell’anno dell’olimpiade per fare esercizio di ribellione e di identità, per tenere in esercizio il mangas che è in noi. Per ricordarci che siamo originali: che abbiamo un origine. Che siamo uomini, non solo consumatori e non abbiamo paura di consumare la vita."

Dopo gli “Esercizi allo Scoperto” che Vinicio Capossela e i suoi Rebetici Ginnasti hanno  praticato all’aperto nell’estate olimpica appena trascorsa, il rebetiko rientra al chiuso, nei rock club, ovvero negli spazi coperti che più si confanno al suo spirito ribelle e underground.
Il tour REBETIKO GYMNASTAS è partito lo scorso 2 novembre dal CS RIVOLTA di Marghera, ed è approdato sabato 15 dicembre 2012 al MAMAMIA Alternative Music Club di Senigallia.

"Il rebetiko - racconta Capossela – è musica nata da una catastrofe, da una grande crisi e da una colossale migrazione. Da allora ha sempre avuto un contenuto eversivo, ha portato in sé il cromosoma della ribellione, della rivolta individuale."
Rebeta viene dal turco rebet, ribelle, colui che meno si tira indietro quando le città vanno a fuoco. Il rebeta è uno che non si sottomette al meccanismo del consumo e che semmai cerca la sua bellezza altrove. 
Scrive John Berger che la musica iniziò dal grido che lamenta una perdita. Il rebetiko è una musica che lamenta quello che tutti noi abbiamo perduto, una musica che non dimentica le sue origini. Si officia in luoghi chiusi, dove si beve e si privilegia lo struggimento individuale. E’ musica che viene dal basso, che si condivide a tavola, come un’eucarestia.

Erano sul palco del Mamamia con Vinicio Capossela i grandi musicisti della tradizione rebete che l’hanno accompagnato nel disco e dal vivo: Vassilis Massalas alla chitarra e baglamas, Ntino Chatziiordanou alla fisarmonica e all’organo Farfisa, Dimitri Emmanouil alle percussioni e soprattutto l’insigne solista del bouzouki Manolis Pappos. 
Completano l’organico due pilastri della band di Capossela quali Alessandro Asso Stefana alla chitarra e Glauco Zuppiroli al contrabbasso. 


VINICIO CAPOSSELA
"REBETIKO GYMNASTAS" IN TOUR NEI CLUB
MAMAMIA Alternative Music Club - Senigallia
sabato 15 dicembre 2012


 Canon EOS 7D - Sigma 30mm F1.4 APO EX DC HSM
1/1.328 - F2.5 - ISO1.000 @ 30 mm.

 Canon EOS 7D - Sigma 30mm F1.4 APO EX DC HSM
1/800 - F1.4 - ISO1.000 @ 30 mm.

 Canon EOS 7D - Sigma 30mm F1.4 APO EX DC HSM
1/160 - F2.0 - ISO1.000 @ 30 mm.

Canon EOS 7D - Sigma 70-200 F2.8 APO EX DC HSM
1/640 - F2.8 - ISO1.000 @ 200 mm.


Guarda la galleria completa:
 

______________________
Il reportage è anche su Senigallianotizie.it del 18/12/2012:

sabato 1 dicembre 2012

Fiorella Mannoia "SUD il tour" - Senigallia 30/11/2012

Un altro big della canzone italiana in concerto a Senigallia, al teatro "La Fenice".E' stata la volta di Fiorella Mannoia, che si è esibita nella struttura il 30 novembre 2012 anticipando dunque di qualche mese Franco Battiato, che sarà in città nel mese di febbraio.
La cantante in passato era già stata in concerto a Senigallia, l’ultima volta nel 2007 (vedi il reportage).

Fiorella Mannoia è una delle cantautrici più importanti della musica italiana. La sua carriera inizia nel 1968 al Festival di Castrocaro ed il primo contratto discografico. Negli anni ' 70 l'artista romana si fa spazio nell'ambiente musicale realizzando alcuni singoli che però non raggiungono il grande pubblico. Il successo giunge negli anni '80, anche grazie alla sua partecipazione al Festival di Sanremo del 1981, dove presenta "Caffè nero bollente".
Fiorella comincia una fortunata collaborazione con Mario Lavezzi, che dà vita a brani come "Come si Cambia" e "L'aiuola". La fine degli anni '80 è il periodo più prolifico della cantante, che vince per due volte il premio della critica della kermesse musicale sanremese per i brani "Quello che le donne non dicono" e "Le notti di Maggio".
La Mannoia diventa un personaggio affermato ed apprezzato, e nei primi anni '90 è protagonista di collaborazioni con musicisti del calibro di Ivano Fossati e Francesco De Gregori. Dal 2000 ad oggi Fiorella consolida la sua posizione di artista di spicco producendo lavori di grande qualità e dando vita a collaborazioni ed eventi live di grande pregio.


Fiorella Mannoia al Teatro La Fenice di Senigallia, 30 novembre 2012
Gli ultimi lavori discografici hanno, ancora una volta, consacrato la Mannoia e posto dei paletti importanti alla sua carriera: due ottimi album di inediti ("Il movimento del dare" del 2008 e "Ho imparato a sognare" dell'anno successivo) a cui hanno fatto seguito il live "Il tempo dell'Armonia" e la raccolta "Capolavori", entrambi del 2010.
 
Ora il disco composto da 12 inediti Sud, uscito nel gennaio scorso, promette scintille e tante emozioni per il pubblico in sala.

Durante il tour "SUD" Fiorella Mannoia, i ragazzi del Projeto Axè e la band indossano una tshirt realizzata da IMPURE in collaborazione con l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) a sostegno dei rifugiati di tutto il mondo. "I'm a refugee, I'm black, I'm white, I'm a man, I'm a woman, I'm a believer, I'm an atheist, I'm a human being", questo il testo della tshirt che sottolinea come non possa esistere alcuna differenza che impedisca a ciascun individuo al mondo di essere considerato un essere umano e di vedersi quindi riconosciuti i diritti fondamentali che ogni nazione dovrebbe garantire e tutelare.
Lo spettacolo è dedicato alla memoria di Thomas Sankara, leader carismatico del Burkina Faso, ucciso nel 1987 durante un Colpo di Stato militare.


Fiorella Mannoia
"SUD il tour"
Teatro "La Fenice" - Senigallia
venerdì 11 novembre 2012



Canon EOS 7D - Sigma 70-200 F2.8 APO EX DC HSM
1/800 - F2.8 - ISO1.000 @ 135 mm.

 Canon EOS 7D - Sigma 70-200 F2.8 APO EX DC HSM
1/200 - F2.8 - ISO1.000 @ 200 mm.

 Canon EOS 7D - Sigma 70-200 F2.8 APO EX DC HSM
1/500 - F2.8 - ISO1.000 @ 200 mm.

 Canon EOS 7D - Sigma 70-200 F2.8 APO EX DC HSM
1/640 - F2.8 - ISO1.000 @ 146 mm.

 
Guarda la galleria completa:
 

______________________
Il reportage è anche su Senigallianotizie.it del 01/12/2012: